Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2012

I CARCIOFI COL TAPPO

Immagine
Quella dei carciofi col tappo, ovvero "i cacocciuli cu tappu" è un antica ricetta siciliana della tradizione contadina. Molto apprezzata in tutta  l'isola, tuttavia ci sono leggere varianti da provincia in provincia. La Sicilia vanta tra le più belle varietà di carciofi e il suo contributo è tradotto in grandi coltivazioni di cui quelli della zona di Cerda (PA),  quelli della Piana di Gela e della Piana di Catania, la zona di  Ramacca (CT) e Niscemi (CL) che sono i maggiori produttori in Italia.

Ricetta dei carciofi col tappo Ingredienti: 6 carciofi spinosi 1 limone 100 g. caciocavallo Ragusano D.O.P. 200 g. Pangrattato 70 g. pecorino grattugiato sale, pepe q.b. olio d'oliva 1 uovo farina passolini e pinoli (prodotto tipico siciliano) cipolla 1 lt. di salsa di pomodoro mezzo bicchiere di vino rosso Procedimento: Pulire i carciofi, eliminando le foglie più dure, accorciare il gambo e tagliare le punte (vedi foto 1 e 2).
Mettiamo i carciofi cosi preparati in un recipient…

LA GENOISE...nella pasticceria siciliana

Immagine
La pasta genovese, meglio conosciuta  col nome di "Genoise" (pron. genuase) ha origini molto antiche e la sua nascita ha rivoluzionato completamente il mondo della pasticceria europea.
Contrariamente alla sua declinazione francese le sue origini  sono da attribuire ad uno chef Italiano che venne inviato al seguito di un ambasciatore Genovese in Spagna e in occasione di un banchetto ufficiale presentò una torta alla cui base vi era una pasta spugnosa di incredibile leggerezza che in suo onore venne battezzata come "pasta genovese" denominata poi dagli chef alla francese "Patè Genoise". Il  pan di Spagna fu una derivazione di questa con un procedimento più semplificato e fu chiamato cosi per onorare la corte Spagnola. La differenza tra la prima e la seconda consiste innanzi tutto nell'uso del burro e poi nel procedimento, nel senso che nella genoise l'impasto viene lavorato a caldo, gonfiato e poi cotto in forno, nel pan di Spagna l'impasto vi…

LE GENOVESI

Immagine
Le Genovesi sono deliziosi panzerotti di pasta frolla con diverse varietà di ripieno, la più classica è quello con ricotta e gocce di cioccolato, un'altra versione molto comune è la crema pasticcera (crema gialla) poi abbiamo una versione Catanese  che viene semplicemente chiamato panzerotto ed è farcito al cioccolato, la variante più prossima alla genovese è la Maria Stuarda un canestrino di frolla farcito con conserva di cedro ritenuta una vera raffinatezza della pasticceria siciliana ma purtroppo ormai quasi del tutto scomparsa. Le origini delle genovesi ci portano alla bella ed antica Erice,
ma è facile trovarle in quasi tutte le province, sopratutto nel Palermitano. Il nome con cui viene chiamato nella Sicilia occidentale credo sia dovuto essenzialmente agli scambi commerciali, di cui Genova non era nuova a questo tipo di scambi culturali-gastronomici. Nella pasticceria siciliana questo dolce è più un richiamo alla colazione oppure ad un intermezzo pomeridiano, magari accomp…

ROSOLINI...l'antica Eloro

Immagine
Rosolini è una ridente cittadina di circa 21.000 abitanti, nella provincia di Siracusa. Posta ai piedi dei monti Iblei si trova a ridosso delle provincie di Siracusa e Ragusa a circa 150 m. s.l.m. pur trovandosi al centro del Val di Noto, non conserva testimonianze significative dell'architettura Barocca Siciliana, questo dovuto principalmente al fatto che Rosolini era considerata una provincia prettamente agricola, già borgo Feudale sotto la giurisdizione della città di Noto
almeno fino al XV secolo. Oggetto di controversie per diversi secoli, Rosolini nasce finalmente e ufficialmente nel XVIII secolo, quando il Feudo di Noto concede a Francesco Moncada la "Licentia Populandi" esattamente l'1 agosto del 1712. Per quanto Rosolini è una giovane cittadina, nutre di un forte interesse turistico dovuto principalmente agli scavi archeologici presenti nel suo territorio, risalenti al VII sec. a.c. di origine greco-romana in contrada Stafenna, suggestivo complesso di ipoge…

IL FALSOMAGRO

Immagine
Il Falsomagro è  tra i più antichi e famosi piatti a base di carne della Sicilia, sicuramente il più celebrato da ogni famiglia nei giorni di grande festa. Nella mia ricerca storica, per questa ricetta dobbiamo rendere omaggio alla città di Catania, da cui secondo alcuni scritti della comunità monastica del XVIII e XIX secolo e in particolare modo del Monastero di S.Nicolò dell'ordine Benedettino della provincia di Catania, emergono informazioni riguardanti il Falsomagro già dal 1711 al 1814 dai propri registri. Un piatto nobile che i "Monsù" (cuochi dell'epoca) preparavano per le tavole aristocratiche, secondo la cui creazione prevedeva una farcia di verdure e aromi avvolti da un unica fetta di carne legata con spago, che per renderla più noblesse chiamarono col nome di "farcie de maigre" ( pron. dal francese "fars-d-megr" ossia farcitura magra), nome che fu subito male interpretato e sicilianizzato come "farsumaru" appunto "Falso…

SPAGHETTI AL CARTOCCIO AI FRUTTI DI MARE

Immagine
Preparare gli spaghetti al cartoccio è senz'altro comodo, quando si aspettano per esempio degli ospiti e possiamo prepararli un po di tempo prima e finire la cottura più comodamente senza dover più trafficare ai fornelli, se poi aggiungiamo un condimento ai frutti di mare, potete ben capire cosa potrà significare aprire il cartoccio davanti ai propri ospiti in quella esplosione di odori, colori e sapori del mediterraneo.
La ricetta è molto semplice e per la verità esistono tante versioni, molti per esempio fanno sgusciare le cozze e le vongole direttamente nel condimento....io vado per la mia strada e le cozze e le vongole le sguscio a parte e le filtro in un tovagliolo di cotone. Detto questo eccovi la mia ricetta:






Ingredienti per 4 p.

300 g. di spaghetti grossi
500 g. di cozze
500 g. di vongole
250 g. di gamberoni o mazzancolle
250 g. di scampi
300 g. di calamaretti
500 g. di polpa di pomodoro
prezzemolo
2 spicchi di aglio 1 scalogno olio d'oliva sale e pepe q.b. 1 bicchierino di brandy pe…

IL BUCCELLATO

Immagine
Il Buccellato è un dolce tradizionale Siciliano Natalizio. Solitamente confezionato a forma di ciambella veniva posto come trionfale al centro della tavola riccamente imbandita. La ricostruzione storica ci fa pensare che l'origine di questo dolce abbia radici medievali, l'uso della frutta secca infatti era già largamente conosciuta e usata nella confezione di dolci caserecci. Dal latino bucellatum, o in Siciliano "Cucciddatu"  è stata ufficialmente riconosciuta e inserita nella lista dei prodotti Agroalimentari-tradizionali-Italiani (P.A.T.) dal Ministero delle politiche Agricole, Alimentari e Forestali .

PASTA 'NCASCIATA RAGUSANA

Immagine
Approfitto di questa ricetta per fare omaggio alla città di Ragusa. La cucina Iblea gode di un vastissimo cesto di prodotti di eccellente qualità, tra le sue produzioni agroalimentari  vanto Siciliano il caciocavallo ragusano D.O.P. cosi la Provincia di Ragusa e l'assessorato allo sviluppo agricolo hanno contribuito alla creazione del marchio "Cesto Barocco", marchio che tende a valorizzare quei prodotti tipici e porre un sigillo di qualità, gusto e autenticità.

SPAGHETTI AL TONNO GRAN RISERVA DI FAVIGNANA

Immagine
Una spaghettata veloce che possiamo preparare in quattro e quattr'otto per un improvvisata con gli amici, semplice si ma con stile e a tutto sapore. Ho scoperto questo piatto questa estate e con mia grande meraviglia mi venne servita accompagnata con del pecorino siciliano grattugiato, un vero contrasto pensai, niente di più azzeccato, vi consiglio di provare, una vera esaltazione dei sensi.